Rete delle "menti critiche"

Atomo reticolare delle "menti critiche", impegnato nella trasformazione sociale e "messa in questione del rapporto tra la forma capitalista (intesa come Gestalt, come forma della percezione) e la potenza produttiva concreta delle forze sociali, particolarmente la potenza dell’intelletto generale" - Naked ... nudo, spogliato, svestito; scoperto; sguainato; privo di vegetazione, spoglio; schietto, semplice, disadorno; palese, manifesto; vuoto (???); mancante; indifeso, disarmato ... "Imbarazzi che sollecitano l'animo" . . . "Noi siamo i dirigenti e gli organizzatori della guerra rivoluzionaria e anche i dirigenti e gli organizzatori della vita delle masse. I due nostri compiti sono: organizzare la guerra rivoluzionaria e migliorare le condizioni di vita delle masse" Mao Tsetung



COALIZIONE SOCIALE

COALIZIONE SOCIALE
Una coalizione per organizzare la mobilitazione sociale, per opporsi a chi attacca i nostri diritti e la nostra dignità, per proporre e conquistare un'alternativa, per praticarla dal basso, ogni giorno, nei nostri territori.

COALIZIONE SOCIALE

Il programma della COALIZIONE SOCIALE - Il primo giorno dell'Assemblea (6 e 7 Giugno) due sessioni tematiche parallele in cui confrontarsi, a partire da quattro assi tematici, su soluzioni concrete e percorsi comuni di lotta. Il 7 una grande plenaria in cui discutere delle prospettive della coalizione sociale. UNIONS Il lavoro cambia, i diritti e il welfare arretrano, noi vogliamo avanzare: fare rete e costruire campagne comuni per dare risposte concrete a disoccupazione, diseguaglianze, sfruttamento e precarietà. SAPERI E CONOSCENZA La conoscenza può essere la leva per trasformare la nostra società, dopo anni di tagli e precarietà, mentre è in atto l'ennesima riforma, da scuole e università può partire la nostra riscossa. RIGENERARE LE CITTÁ È possibile conquistare il "diritto alla città", a partire dalla difesa degli spazi pubblici e dalla lotta per il diritto all'abitare, facendo incontrare esperienze differenti di gestione e autogestione di spazi e iniziative sociali, di cowork e mutualismo. ECONOMIA, POLITICHE INDUSTRIALI ALTERNATIVE La tutela dei territori, dell'ambiente, della salute e del lavoro non possono essere in contrapposizione tra loro. Serve ripensare il modello di sviluppo e proporre un'alternativa. PARTECIPA ANCHE TULa coalizione sociale ha bisogno di tutte e tutti.


Statuto delle lavoratrici e dei lavoratori: diritto ad avere diritti

Statuto delle lavoratrici e dei lavoratori: diritto ad avere diritti
Firenze, domenica 20 maggio 2012

Contropiano.org giornale comunista online

Contropiano.org giornale comunista online
La pagina web di Contropiano [nasce come giornale periodico nel 1993, mentre in Italia si susseguono i “governi di Maastricht” (Amato, Ciampi) e prendono il via le terapie d’urto antipopolari e antidemocratiche fondate su due assi strategici: privatizzazioni/flessibilità e riforma del sistema elettorale in senso maggioritario, che vedono l’apertaconcertazione/collaborazione dei sindacati confederali e dei DS alle esigenze dei poteri forti in Italia e alla borghesia europea] si trasforma in un vero e proprio quotidiano online che possa essere letto ma anche stampato e distribuito localmente in tutto il paese.

lunedì 27 febbraio 2012

Con NO TAV

Oggi tutti i TG hanno dedicato al “grave incidente in Val di Susa” tutto lo spazio che non hanno mai dedicato alle argomentazioni NO TAV di opposizione all’opera;
oggi era indispensabile far passare un messaggio: “un incosciente è salito su un traliccio dell’alta tensione, ha preso la scossa ed è caduto” come a dire che chi se le cerca prima poi le trova
con la consueta rozzezza per cui riesce sempre a spiccare (che evidentemente lo mette però in sintonia coi propri lettori) Libero ha rinunciato al messaggio tra le righe e ha lanciato il sondaggio: “Luca Abbà, il 37enne no-Tav, fulminato su un tralicco mentre protestava: se l'è cercata?” (http://www.liberoquotidiano.it/sondaggio.jsp?idsondaggio=624&idvoto=1814). Dovrebbe sorgere spontanea una domanda: ma se era solo un coglione che se l’è cercata com’è che qualche ora dopo tutta le strade della valle erano bloccate per una reazione spontanea della gente ???
Ho sentito nell’audio registrato da Radio Black Out la voce di una persona eccitata avvisare i soldati (che lo pressavano inseguendolo su per il traliccio) di essere pronto ad attaccarsi ai fili e mi chiedo: per quale ragione quando c’è un cristo che ha deciso di farla finita e sta per buttarsi da un cornicione c’è la fila di santi, eroi e forze dell’ordine a garantirgli che la sua vita da quel momento in poi sarà tutta rose e fiori e a Luca Abbà non hanno concesso neanche il tempo di prendere fiato, di calmarsi un attimo. Bastardi assassini al servizio di uno Stato marcio.

Nessun commento:

Posta un commento

Registrazione gratuita nei "motori di ricerca"